Colori e smalti – Gruppo Cactus in visita al Cersaie 2018

AdminCactus on ottobre 4, 2018

Cerchiamo di essere presenti alle fiere più interessanti per essere costantemente informati su novità ma anche per conoscere le proposte delle aziende e meglio interpretare le esigenze dei nostri Clienti.

Ecco il mini racconto sul Cersaie 2018. Un resoconto istintivo e sensoriale sui prodotti ceramici , più che una fredda analisi sulle tendenze di mercato.

Partendo proprio dai prodotti innovativi, al Cersaie si rafforza l’offerta delle grandi lastre da rivestimento. Il grès prodotto in maxi formati (misure fino a 180x320m) riesce a evitare fughe e riproduce con ottimi risultati estetici, il marmo,le pietre e la resina,riducendo al minimo discontinuità e donando una sensazione di spazi grandi e, se ben progettati, spesso sontuosi.

Ora un aspetto personale, una scelta di studio, un intimo approccio al progetto di una casa o di un singolo bagno:
lungo gli stand abbiamo riscoperto anche delle produzioni in formati minori e letto il desiderio da parte di designers e produttori di poter ritornare alla questione tattile e non solo visiva.
Parliamo delle formelle o anche del grès in pasta bianca con superficie smaltata.

Un ritorno romantico, che non definiremmo vintage ma semplicemente “evergreen” (intramontabile). Un marcato accento alla profondità del colore e ai vari trattamenti sulla materia.

Aziende che rispolverano il mattone, il cotto, studiano pigmenti e assemblano composizioni dai toni densi, caldi, quasi un approccio terapeutico che tramite la materia attira la mano di chi la osserva.

Un progetto di rivestimenti che fanno immaginare il visitatore immerso nel suo spazio benessere.
Sfiorare non basta, c’è bisogno di adagiare la mano. Ci si allontana per riavvicinarsi, ci si diverte a scoprire la possibilità di comporre in maniera personale colori e formati.

Facciamo outing e annunciamo il nostro amore per i dettagli che sono come le sfumature dei nostri caratteri. Complesse,fragili ma generose.

Le fughe , in tutto questo raccontare, sono presenti, ma non costituiscono un limite o un difetto evidente. Sono solo parte di composizioni volutamente imperfette.

La grande creatività è sopravvivere con la fantasia alla moda o a un linguaggio imperante, per grandi dimensioni e spesso per cercare una certa ostentazione.

Le lastre sono bellissime, certo richiedono un importante impegno di movimentazione, riproducono e generano grandezza ma sono quasi sempre fuori misura, oltre l’altezza di una persona e spesso del suo portafoglio.

Non aboliamo nulla, ma in piena libertà di stile dichiariamo una romantica sensibilità per i formati e i decori più piccoli e alla possibilità di non rivestire troppo ma giusto il necessario.
Decorazioni più simili al nostro animo creativo, che ha ancora voglia di divertirsi un pò.

0 comments
Post a comment